SCIPPO: il finto conoscente
SCIPPO: il finto conoscente
Da qualche mese a questa parte, dal mese di Aprile scorso, nelle città italiane si è cominciata a diffondere una moda alquanto pericolosa che consiste nel finto affetto, persone che tendenzialmente cercano di avvicinare altre persone, fingendosi conoscenti da molto tempo, allo scopo di entrare in contatto fisico con queste e di sfilare bracciali, orologi e portafogli.

Se inizialmente a farne le spese sono stati anziani e persone indifese, poiché l'attacco da parte delle persone malfidate è diventato così notorio, da mettere in difficoltà anche la gente meno sprovveduta. L'ultimo episodio è stato segnalato alla Polizia pochi giorni fa, ma questa moda sta prendendo piede in tutta Italia da inizio anno. In linea di massima ci sono delle categorie che potremmo definire "a rischio" si tratta di anziani, di persone con difficoltà motoria, ma anche persone con disabilità di diverso tipo, insomma gente che è in difficoltà. Indifesa.

Tant'è che attualmente i casi di persone che sono state scippate con questa particolare tecnica truffaldina sono molte, motivo per cui vale davvero la pena prestare una certa attenzione nel momento in cui si esce per strada e si incontra qualcuno che si avvicina e che cerca di toccarvi.

No, non vogliamo creare allarmismi e tantomeno aiutare a diffondere la paura del prossimo per strada, tuttavia una delle cose a cui fare attenzione in questo periodo è proprio il passante che si finge conoscente, potrebbe essere lo scippatore. 
Commenti
Non è stato pubblicato nessun intervento
Autore : Martina Cecco
Dalla gallery
Ammettere i propri errori
Sondaggio

Il calciatore più sexy

partecipa al sondaggio e scopri il risultato
DONNISSIMA.it © 2001-2019
Nota Importante : DONNISSIMA.it non costituisce testata giornalistica,la diffusione di materiale interno al sito non ha carattere periodico,
gli aggiornamenti sono casuali e condizionati dalla disponibilità del materiale stesso.
DONNISSIMA.it non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.