Gli spauracchi di Lady Gaga
Gli spauracchi di Lady Gaga
Lady Gaga segue la moda e non si limita a imitarla: ha fatto di tutto, giocando con il sesso, con il danaro, con la psichiatria, con la società moderna e adesso ha deciso di giocare con i morti.
Nel nuovo progetto interpretazioni macabre, non che quelle in scena fino ad ora avessero molto dell'umano, ma almeno umanoide si. Si trattava di spettacolo, spinto ed estremo, ma pur sempre spettacolo.
Quello che si propone con i suoi nuovi lavori è un duro gioco con la paura della morte e con i cadaveri riesumati e siliconati. Sul palco scene davvero stucchevoli.
Spettacolo, di certo, però non lontano dalla voglia di superare i limiti, mostrando raccapriccianti mostri viventi e spettri plastificati che trasmutano la perfezione di una società immaginaria nel trasformismo illusionario del marciume.
Impressionante a dire poco: la moda di portare in scena la morte non è una novità di certo per i grandi artisti di oltreoceano, tutti ci sono passati almeno una volta, per fare i conti con le proprie illusioni e le proprie paure.
Chi ne ha parlato con serietà, tirando in ballo la morte nella realtà quotidiana, nella guerra, nella violenza sociale; chi ne ha parlato con timore, per trattare temi come le malattie, l'AIDS; chi ne ha fatto monito, parlando dei pericoli di oggi; chi ci ha giocato, fantasmi, sette, spaventi e mostri vari. Ognuno esorcizza il suo target.
Di fatto però la nuova collaborazione della artista non è solo una sfida ai media e alle classifiche, ma una vera e propria forma di investimento in arte, maschere e silicone, che provengono dalle mani dell'anatomopatologo Gunther Von Hagens, i video su YouTube. Il ritorno dei morti viventi, scene d'altri tempi. Di che cosa hanno paura i fan di Lady Gaga??
Commenti
Non è stato pubblicato nessun intervento
Autore : Martina Cecco
Dalla gallery
Che ne dici se stasera invertiamo i ruoli ?
Sondaggio

Il calciatore più sexy

partecipa al sondaggio e scopri il risultato
DONNISSIMA.it © 2001-2019
Nota Importante : DONNISSIMA.it non costituisce testata giornalistica,la diffusione di materiale interno al sito non ha carattere periodico,
gli aggiornamenti sono casuali e condizionati dalla disponibilità del materiale stesso.
DONNISSIMA.it non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.