L’etichetta energetica
L’etichetta energetica
L’etichetta energetica, che deve essere esposta dai negozianti insieme con l’apparecchio, ha la finalità di informare gli acquirenti circa il consumo di energia, allo scopo di favorire il risparmio energetico e la riduzione dell’inquinamento atmosferico. Orientando i consumatori nella scelta al momento dell’acquisto, le etichette favoriscono inoltre lo sviluppo tecnologico dei prodotti con consumi contenuti.
Le etichette differiscono per i diversi tipi di elettrodomestici, ma presentano per una buona parte la stessa veste grafica.
Sull’etichetta compare anzitutto una serie di frecce colorate di lunghezza crescente, a ciascuna delle quali è associata una lettera, dalla A alla G. La lunghezza delle frecce è legata ai consumi: a parità di prestazioni, gli apparecchi con consumi più bassi saranno contraddistinti dalla lettera corrispondente alla freccia più corta, quelli con consumi più alti dalla lettera corrispondente alla freccia più lunga.
Il preciso valore numerico assegnato alle frecce è indicato nei documenti che descrivono la struttura dell’etichetta per la specifica categoria di elettrodomestico: in linea di massima, il consumo di un apparecchio
marcato con la lettera A (freccia verde) è circa la metà di quello di un apparecchio marcato con la lettera F (freccia arancio).
L’etichetta energetica dei frigoriferi e dei congelatori prevede anche due classi di efficienza marcate con A++ e A+; quest’ultima presenta un consumo che è circa il 30% inferiore a quello di un apparecchio di classe A.
Commenti
Non è stato pubblicato nessun intervento
DONNISSIMA.it © 2001-2020
Nota Importante : DONNISSIMA.it non costituisce testata giornalistica,la diffusione di materiale interno al sito non ha carattere periodico,
gli aggiornamenti sono casuali e condizionati dalla disponibilità del materiale stesso.
DONNISSIMA.it non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.