Poesie e racconti: Poesie · Racconti · Riflessioni · Storie di donne
Igiene e salute della comunità
Igiene e salute della comunità
Chiunque abbia avuto un’intossicazione alimentare per aver mangiato al ristorante , o abbia preso un’influenza in autobus, le pulci in albero o le verruche in piscina sa bene che la salute individuale dipende dalla salute e dall’igiene della società nel suo complesso.
Chi è malato non è in grado di lavorare bene e una società non funziona bene se i suoi membri sono malati; per questo motivo ogni comunità adotta misure autoprotettive e cerca di promuovere la salute sei suoi membri ciò è tanto più importante quanto maggiori sono le dimensioni della comunità, in cui l’ignoranza o l’incompetenza possono nuocere a numero enorme di persone e le malattie possono diffondersi con notevole rapidità.

La medicina sociale ha due funzioni principali: prevenire la malattia, e dove non riesce, curarla. Questo secondo obiettivo richiede costruzioni di ospedali, formazione di personale medico e paramedico e stazionamenti a favore delle persone malate e delle loro famiglie. Si tratta di un settore che pesa sull’economia nazionale sia per i costi delle strutture sia per la perdita di produzione. La medicina preventiva prevede costi più contenuti eppure i suoi importantissimi.
Le possibili misure vanno dall’adeguamento seppellimento dei morti alle regole che si applicano all’ingegneria civile, per garantire certi standard abitativi, al controllo della densità demografica nelle città, del numero massimo di persone che possono viaggiare nei treni o sedere in un cinema; dalle normative che regolano il lavoro nelle fabbriche a quelle relative al massimo rumore consentito agli aeroplani, al controllo dei gas di scarico delle automobili a quelle dell’eliminazione dei rifiuti industriali tossici.
Tragedie come quella della diossina di Seveso nel 1976, in provincia di Milano , e la tragedia di Minamata, avvenuta nel 1956 in Giappone, dove gli scarichi di una cartiera arrivarono al mare e provocarono la morte o la paralisi di tante persone, avvelenate dal pesce contaminato da composti a base di mercurio, sottolineano le necessità di un controllo pubblico sui problemi della salute. La stessa vigilanza è importante nel testare i nuovi farmaci immessi sul mercato per evitarne effetti collaterali imprevedibili o tragici.
Commenti
Non è stato pubblicato nessun intervento
DONNISSIMA.it © 2001-2022
Nota Importante : DONNISSIMA.it non costituisce testata giornalistica,la diffusione di materiale interno al sito non ha carattere periodico,
gli aggiornamenti sono casuali e condizionati dalla disponibilità del materiale stesso.
DONNISSIMA.it non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.