Come fare esercizi ipopressivi per il postpartum
Come fare esercizi ipopressivi per il postpartum
Come fare esercizi ipopressivi per il postpartum
Quando iniziare gli esercizi ipopressivi dopo il parto
Prima di iniziare a fare esercizi ipopressivi è importante controllare la respirazione perché è la chiave principale per eseguirli bene.

Il primo passo è essere consapevoli di come l'addome aereo si riempie gradualmente mentre si respira.
Dovresti fare un respiro lento in modo che l'addome si espanda dalla parte inferiore della pancia per notare la sua infiammazione fino al livello dello stomaco e quindi i lati dell'intestino per raggiungere l'area dei polmoni in seguito.
Da lì, dovresti iniziare a rilasciare l'aria un po 'alla volta, iniziando dalla parte superiore dell'addome per continuare lungo i suoi lati, l'area centrale e infine espirare l'aria dal basso ventre.
Una volta che hai imparato questa tecnica, puoi iniziare a eseguire gli esercizi ipopressivi, anche se in realtà solo con questa respirazione stai già lavorando i muscoli di tutta l'area. È un buon modo per iniziare progressivamente a passare a un livello superiore più tardi.

Esercizio ipopressivo per il postpartum
Uno dei modi più semplici per fare un esercizio ipopressivo è quello di alzarsi in piedi. In realtà, è il più semplice tra quelli che puoi fare e un buon modo per iniziare. Ma non per questo motivo è meno efficace.

La posizione di partenza è in piedi con la schiena dritta.
Da lì, devi iniziare a prendere aria come abbiamo spiegato sopra fino a riempire l'intero addome.
Una volta che lo hai fatto, inizi a rilasciare lentamente l'aria mentre comprimi la muscolatura dell'area che sta finendo l'aria.
Allo stesso tempo, dovresti infilare l'ombelico come se volessi che attraversasse la colonna vertebrale per apparire sul retro.
Questo movimento permette di ridurre l'addome e anche di recuperare la normale posizione della colonna vertebrale e degli organi che sono stati in grado di muoversi con la gravidanza, così come il pavimento pelvico.

Altri modi per praticarlo
Inoltre, questo esercizio può essere praticato in diversi modi. Uno di loro è in piedi con le braccia alzate e allungate per andare più a fondo nella parte laterale dell'addome.

Un'altra possibilità è quella di esercitarsi sdraiato sul pavimento o su un tappetino rigido. La schiena dovrebbe essere sempre ben sostenuta e le gambe dovrebbero rimanere piegate alle ginocchia e con le piante dei piedi che toccano il suolo. Quindi, è più facile comprimere bene l'intero addome, oltre a incidere sul pavimento pelvico per il recupero dopo il parto.


Esercizio ipopressivo per il pavimento pelvico
Per lavorare sul pavimento pelvico, che è una delle aree del corpo della donna più colpita dalla gravidanza, c'è un altro esercizio che è molto facile da fare.

Essere parte della posizione eretta con le gambe divaricate, con una distanza equivalente all'altezza dei fianchi.
Successivamente, viene eseguita una flessione con le ginocchia, ma mantenendo sempre il bacino senza forzare la sua inclinazione.
Quindi, la colonna vertebrale è allungata come se si stesse portando un libro sopra la testa, mentre le braccia sono posizionate come se si volesse spingere un muro.
In quella posizione, la respirazione è fatta, ma solo portando l'aria ai lati. Questo è molto importante per essere in grado di lavorare in modo specifico in questo settore.
In questo esercizio, un'altra chiave è quella di continuare a respirare per alcuni secondi prima di espellere l'aria.
Commenti
Non è stato pubblicato nessun intervento
Autore : Gelsomina Aliperti
Dalla gallery
Senza pensione
Sondaggio

Il calciatore più sexy

partecipa al sondaggio e scopri il risultato
DONNISSIMA.it © 2001-2019
Nota Importante : DONNISSIMA.it non costituisce testata giornalistica,la diffusione di materiale interno al sito non ha carattere periodico,
gli aggiornamenti sono casuali e condizionati dalla disponibilità del materiale stesso.
DONNISSIMA.it non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.