Infezione da piercing al capezzolo
Infezione da piercing al capezzolo
Il piercing al capezzolo, è una tendenza che si è diffusa soprattutto tra gli anni Ottanta e Novanta come pratica anticonformista, provocatoria e sessualmente trasgressiva nell’ambito delle culture punk, goth e industrial.
Nonostante la sua popolarità, il piercing al capezzolo è uno dei più facilmente infettabili, in quanto si tratta di una zona particolarmente delicata. Infatti, il  piercing in questa parte del corpo è spesso doloroso proprio per la sua sensibilità; Inoltre, questo dolore può durare fino a 5-6 settimane, poiché è uno dei piercing che impiegano più tempo a guarire.
Va notato che è normale che durante i primi giorni l'area del piercing sia un po 'più infiammata e si avverte un leggero dolore o fastidio, tuttavia, in modo da sapere se il piercing al capezzolo è infetto o sta solo guarendo regolarmente. Se invece, insorgono i seguenti sintomi:

Dolore intenso
Grave rossore e irritazione
Rigonfiamento
Prurito e prurito
Scarico giallastro o verdastro, a seconda della gravità dell'infezione
Odore sgradevole
Presenza di sangue
Febbre
Questi sono chiari sintomi di infezione, sebbene chiaramente possano variare a seconda della gravità del problema. In questi casi, la cosa più efficace se vuoi sapere come curare un piercing infetto è andare dal professionista che lo ha fatto o dal tuo medico di famiglia, soprattutto se hai sintomi come febbre, sangue o gonfiore evidente con arrossamento.
Commenti
Non è stato pubblicato nessun intervento
DONNISSIMA.it © 2001-2021
Nota Importante : DONNISSIMA.it non costituisce testata giornalistica,la diffusione di materiale interno al sito non ha carattere periodico,
gli aggiornamenti sono casuali e condizionati dalla disponibilità del materiale stesso.
DONNISSIMA.it non è collegata ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.